Consapevolezza, Generazione Z, In evidenza, Pubblicazioni, Scuola Digitale, Social Media

Giovani iperconnessi: a nove anni un bambino su tre ha già il profilo social

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo!PADOVA Precoci, disinvolti, assuefatti al digitale. E inconsapevoli dei rischi. Sono questi i giovani descritti dal libro «Generazione Z» di Ettore Guarnaccia, che scatta una «fotografia statistica e fenomenologica […]
Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo!

PADOVA Precoci, disinvolti, assuefatti al digitale. E inconsapevoli dei rischi. Sono questi i giovani descritti dal libro «Generazione Z» di Ettore Guarnaccia, che scatta una «fotografia statistica e fenomenologica di una generazione ipertecnologica e iperconnessa» tanto dettagliata quanto inquietante. L’indagine di Guarnaccia, cybersecurity manager padovano attivo nel settore bancario, è stata condotta con un questionario di cento domande e ha coinvolto 2.058 studenti da 9 a 18 anni di 15 scuole sparse tra le province di Padova, Rovigo e Vicenza. Il 94% dichiara di avere uno smartphone e la maggior parte di aver ricevuto il primo a 11 anni (22,3%), ma il dato sfiora il 5% già a 8 anni e supera il 6% a 9 anni, col risultato che più di un bambino su dieci ha uno smartphone già in quarta elementare.

Lo smartphone è anche il dispositivo più utilizzato per collegarsi al web e ai social (81,4%). E a proposito di social, un ragazzino su tre ha uno o più profili già a 9 anni. Per quanto riguarda i social più utilizzati, Facebook (69,9%) è al terzo posto dietro YouTube (94,5%) e Instagram (83,2%), dove il 67,2% ha più di 150 follower. Il rapporto con la messaggistica istantanea è a dir poco problematico: il 48,5% ha provato pentimento per aver inviato d’istinto un messaggio, il 45,6% rabbia o delusione per aver frainteso il senso o il tono di un messaggio, il 37,9% ansia perché il destinatario non ha risposto subito. Pur di continuare a navigare, il 47,5% è andato a letto tardi e ha dormito poco, il 27% ha rinunciato a fare i compiti, il 25,7% ha faticato a concentrarsi, il 22% ha dormito male e il 5,9% ha perfino rinunciato a mangiare. Oltre a nome e cognome, tra le informazioni condivise sui social spiccano gli orari di frequenza scolastica (44,2%), l’indirizzo di casa (19%), il tragitto casa-scuola (9,5%) e gli orari in cui i genitori non sono a casa (9,3%).

A proposito di genitori, il 62% dice dice che mamma e papà hanno pubblicato le foto del figlio in costume o in intimo su Facebook (e il 53,9% su WhatsApp). Navigando sui social, poi, il 55,3% ha visualizzato contenuti a sfondo sessuale, il 48,7% contenuti pornografici e persone nude. Sul versante della privacy, il 17,3% si è sostituito a qualcun altro soprattutto per fare scherzi (78,9%) e rubare informazioni (14,4%), il 53,6% ha comunicato la propria password a qualcun altro, soprattutto genitori (57%) e amici (29,9%), e il 64,4% conosce almeno una password altrui (genitori e amici nell’80% dei casi). Nel 55% che concede l’amicizia agli sconosciuti, c’è un 46,2% che prima valuta almeno le amicizie e gli interessi in comune, ma c’è anche un 8,8% che accetta «senza alcun problema». I sentimenti suscitati dai contatti indesiderati? Indifferenza (46,9%), paura (26,4%), turbamento (25,5%) e curiosità (19,2%). Di fronte alle proposte di incontro, il 13,8% dichiara di accettare (e il 3,2% di presentarsi all’incontro da solo). Infine i videogiochi: i più gettonati sono Super Mario Bros e Mario Kart, ma l’elenco comprende anche titoli inclusi nella top ten dei giochi più violenti come Gta (52,6%) e Call of Duty (52,4%).

«Siamo di fronte a una generazione completamente catturata dalle tecnologie, con gravi ripercussioni sulla qualità della vita – commenta Guarnaccia -. C’è una dipendenza latente diffusa, che provoca una carenza di attenzione e induce i giovani a fare cose inusuali e compromettenti, anche perché i genitori sono impreparati e la scuola non trasmette le competenze adatte a riconoscere e gestire gli effetti delle tecnologie. Bisogna intervenire con urgenza per salvare la prossima generazione, a partire dall’introduzione dell’educazione digitale nelle scuole».

Alessandro Macciò
Corriere del Veneto
Domenica 4 novembre 2018


Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.