Awareness, Eventi, Evoluzione, Generazione Z, In evidenza, Pubblicazioni, Social Media, Volunteering

Intervista di Alameda Project (parte 1): il ruolo dei genitori in una società ipetecnologica e iperconnessa

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo!Intervista realizzata da Enrico Matteazzi di Alameda Project e, in considerazione dei tanti temi trattati, suddivisa in tre parti distinte per consentirne una migliore fruizione agli utenti interessati. In […]
Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo!

Intervista realizzata da Enrico Matteazzi di Alameda Project e, in considerazione dei tanti temi trattati, suddivisa in tre parti distinte per consentirne una migliore fruizione agli utenti interessati. In questa prima parte si parla dei principali temi del libro: contenuti inadatti ai minori, videogiochi violenti, incitamento all’odio, fenomeni estremi, fenomeni emulativi pericolosi, dipendenza tecnologica e correlazione con la dipendenza da sostanze, adescamento online, pedopornografia, sexting, privacy, violazione del copyright e, ovviamente, cyberbullismo. Ringrazio Enrico per avermi invitato all’intervista e per aver preso a cuore gli aspetti di rischio dell’esperienza digitale di bambini e adolescenti. Aspetto i vostri commenti qui, in calce all’articolo. Buona visione!

La copertina del libro Generazione Z

Il libro “Generazione Z” è acquistabile su Amazon (consegna in un solo giorno se si ha Prime) oppure direttamente su questo blog a prezzo agevolato utilizzando l’apposito modulo di richiesta all’autore.

Presentiamo il libro Generazione Z, fotografia statistica e fenomenologica di una generazione ipertecnologica e iperconnessa affrontando per prima cosa il ruolo genitoriale nel secolo dei nativi digitali.

Che cosa devono temere i genitori in una società iperconnessa? Siamo consapevoli dei rischi e delle minacce a cui ogni giorno i nostri bambini incorrono connettendosi a Internet? Come ci possiamo difendere da fenomeni come l’adescamento online o la pedopornografia digitale?

E ancora: il cyberbullismo, la depressione generata dall’esclusione sociale costruita sul mantra “se non sei online, non esisti“… e molto altro.

Prima parte dell’intervista di Alameda Project


Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.