Consapevolezza, Eventi, Evoluzione, Generazione Z, In evidenza, Pubblicazioni, Scuola Digitale, Social Media

Mutazioni antropologiche in corso: intervista di Alessandro Macciò per Post Scriptum

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo!Articolo relativo all’intervista realizzata dal giornalista Alessandro Macciò al sottoscritto su tanti temi relativi all’esperienza digitale dei giovani e a quale futuro è possibile prefigurare oggi osservando la società […]
Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo!

Articolo relativo all’intervista realizzata dal giornalista Alessandro Macciò al sottoscritto su tanti temi relativi all’esperienza digitale dei giovani e a quale futuro è possibile prefigurare oggi osservando la società moderna e analizzando i principali trend e i relativi rischi derivanti. L’ottima sintesi di oltre un’ora di piacevole chiacchierata su aspetti quotidiani che tutti dovrebbero conoscere, comprendere e approfondire. Grazie ad Alessandro Macciò e a Post Scriptum per l’invito e la pubblicazione dell’intervista.
#Oggi è già futuro

Qui il link all’intervista: Mutazioni antropologiche in corso

Mutazioni antropologiche in corso

Quando l’innovazione diventa pericolosa. 
In un libro intitolato, non a caso, «The Game»Alessandro Baricco individua il logo della nostra civiltà, nella postura uomo-tastiera-schermo, e il suo schema fondativo nella logica del gioco, che ha prodotto una vera e propria mutazione antropologica. Ettore Guarnaccia, esperto di cybersecurity, condivide la disamina, ma preferisce ricordare “che il gioco è bello quando dura poco”, soprattutto se coinvolge una fascia vulnerabile come quella dei (pre)adolescenti. 
Guarnaccia affronta il tema nel libro «Generazione Z. Fotografia statistica e fenomenologica di una generazione ipertecnologica e iperconnessa», che presenta i risultati di un questionario compilato da 2.058 studenti, tra i 9 e i 18 anni. Con un quadro complessivo a tinte fosche.
Prendiamo il rapporto con la messaggistica: il 48,5% degli intervistati ha provato pentimento per aver inviato d’istinto un messaggio, il 45,6% rabbia o delusione per aver frainteso il senso o il tono di un messaggio, il 37,9% ansia perché il destinatario non ha risposto subito. 
Tralasciando gli altri numeri, molti giovani ammettono che l’uso dei social li spinge a fare azioni inusuali o compromettenti come dormire poco, pubblicare dati sensibili, visualizzare contenuti pornografici e concedere l’amicizia a perfetti sconosciuti. 
Tutto inizia con YouTube: «È il primo social con cui i bambini entrano in contatto, anche perché è molto intuitivo e i genitori glielo fanno usare come un gioco – spiega Guarnaccia – Instagram soddisfa una voglia di esposizione che riguarda soprattutto gli under 15, poi prevale la ricerca delle relazioni attraverso Facebook. Ma lo sviluppo tecnologico è così veloce ed esponenziale, che le modalità di interazione con la tecnologia cambiano nell’arco della stessa generazione».
Non si stacca mai la spina: «Siamo costantemente interrotti dalle notifiche di like, video live e molto altro ancora. Le tecnologie sono sviluppate apposta per mantenere gli utenti incollati al display, usando tecniche subdole e spregiudicate come il meccanismo della ricompensa. Nei videogiochi c’è il concetto del baule, che consente di accumulare ricchezze come armi o strumenti per avanzare nel gioco. Le notifiche funzionano in maniera simile: devi aprirle ma non sai cosa c’è dentro, ed è proprio questo che le rende irresistibili»
Il discorso riguarda anche le serie TV: «A volte ti siedi sul divano con l’intenzione di guardare un episodio, e finisce che quando ti alzi ne hai visti cinque. Questo succede anche per effetto dell’autoplay, che fa partire in automatico l’episodio successivo a quello appena visto. La verità è che stiamo andando verso una dipendenza patologica di massa, sempre più difficile da intercettare»
Di fronte a questo scenario, Guarnaccia invoca l’introduzione dell’educazione digitale nelle scuole. Ma la strada è in salita: «In Italia il 57% degli insegnanti ha più di 50 anni e il 18% più di 60, contro una media europea del 36%. Molti di loro non sono motivati a investire sull’educazione digitale, altri si accorgono del problema ma non capiscono le cause e finiscono per dare la colpa alle nuove generazioni. Altri ancora sono spaesati, sanno che dovrebbero fare qualcosa e chiedono l’aiuto degli esperti, che però possono contribuire solo con interventi sporadici. Nel complesso, la scuola è ancora troppo poco ricettiva».

Alessandro Macciò


Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.